Alternative di trattamento per ADD

November 3

Attenzione disturbo carente iperattività è una condizione che colpisce milioni di bambini negli Stati Uniti, e può continuare in età adulta, secondo la Mayo Clinic. Anche se questa condizione è stato precedentemente chiamato disturbo da deficit di attenzione, o ADD, come i ricercatori hanno imparato di più sulla condizione, hanno cambiato il nome di ADHD. Le persone con ADHD possono distrarsi facilmente, perdere oggetti di frequente e non sembrano essere in ascolto. I ricercatori stanno ancora studiando le cause di questa condizione; tuttavia, può essere causato dal fumo materno, esposizione a tossine ambientali o un'alterazione del anatomia del cervello, secondo la clinica Mayo.

diete speciali

Eliminando gli alimenti che aumentano l'iperattività possono alleviare i sintomi del disturbo carente attenzione, secondo la Mayo Clinic. Diminuire alimenti allergeni comuni, quali grano, uova e latticini. Inoltre, ridurre il cibi ricchi di zucchero e caffeina. Ridurre il consumo di alimenti trasformati, artificiale colorante alimentare e conservanti può diminuire i sintomi, secondo la Mayo Clinic.

Formazione Neurofeedback

formazione Neurofeedback, che è noto anche come biofeedback elettroencefalografici, è un trattamento che richiede al paziente di concentrarsi su un compito mentre una macchina rintraccia sequenze cerebrali. Durante la sessione di allenamento, il paziente orologi onde cerebrali, ed è addestrato a mantenere i modelli nella parte anteriore del cervello più attivo, spiega la Mayo Clinic.

supplementi a base di erbe

Anche se sono necessarie ulteriori ricerche sugli integratori a base di erbe, che consumano il ginseng, ginkgo e omega-3 oli essenziali può ridurre l'attenzione Le lacune sintomi, secondo la Mayo Clinic. Parli con il medico prima di assumere integratori perché possono interagire con i farmaci di prescrizione.

opzioni di terapia

Le persone con ADHD possono verificarsi risultati con la formazione terapia comportamentale, che è facilitata da uno psicologo. Lo psicologo aiuta il paziente a riconoscere quando i sintomi iniziano a verificarsi in modo che possa allenare il cervello a riorientare e creare il risultato desiderato. Dopo il tempo, il paziente sarà in grado di avere gli strumenti necessari per modificare il comportamento.