Problemi con Macrobiotica diete

May 10

La dieta macrobiotica è stato sviluppato da un educatore giapponese
di nome George Ohsawa. È una dieta rigida che è prevalentemente vegetariani, tranne per pesce. Esso si concentra su persone in cerca di stili di vita sani che sono interessati a metodi olistici per raggiungere sia il benessere spirituale e fisico. La base della dieta macrobiotica è grani. Fagioli e verdure sono anche gran parte della dieta.

Linee guida di dieta

La dieta macrobiotica è composta da una grande quantità di cereali integrali, come riso, grano saraceno, miglio e orzo. Le verdure sono anche una parte importante della dieta, e possono essere cotti, al vapore, saltati, o bollita, ma sono preferibilmente consumati crudi. Fagioli e prodotti di soia come il tempeh, natto e tofu sono anche importanti per la dieta principale. Oltre a questi punti, le altre principali tipi di alimenti macrobiotici includono zuppe, frutta fresca locale, noci e semi, e una piccola quantità di frutti di mare come il pesce.

Attenzione

Uno dei principali problemi della dieta macrobiotica è che molti nutrizionisti ritengono che sia estremamente limitante e restrittiva per quanto riguarda varie sostanze nutritive importanti, come calcio, magnesio, proteine, ferro e vitamina B12. Alcune persone potrebbero non ottenere quantità sufficienti di proteina in una dieta rigorosa macrobiotica, che potrebbero portare a bassa energia, stanchezza, e sentimenti di letargia e lentezza. carenze di minerali, in particolare di zinco, sono anche molto comune con la dieta macrobiotica.

Digestione

Alcune persone potrebbero anche verificarsi problemi di digestione come risultato di seguire la dieta macrobiotica. Ciò è dovuto a mangiare un sacco di cereali e verdure ricche di fibre. Questi possono essere difficili da digerire, e potrebbe portare a gonfiore e dolore allo stomaco.

basso contenuto di colesterolo

Bassi livelli di colesterolo sono un possibile problema con diete macrobiotiche. Questo potrebbe portare a problemi emotivi, come la depressione, attacchi di panico, e riduzione della concentrazione e capacità di messa a fuoco.